Pubblicato in: Anime, Arte, Cinema, Design, Dylan Dog, Fumetti, Manga, Moda

FUMETTO – CHE PASSIONE

 

Immagine

Ci sono momenti in cui dovresti fare mille cose e, sinceramente, non ne hai proprio voglia. Ci sono momenti in cui dovresti staccare la spina ma più cerchi di finire ciò che stai facendo più non riesci a smettere. In casi come questo, con la mente stanca ma inspiegabilmente più attiva del solito, sono solito buttarmi, letteralmente, sul letto e prendere tra le mani uno dei mille “fumetti” che colleziono, ed iniziare il viaggio.

Sembrerà stupido ma è solo quando tengo stretto tra le mani uno di quei “cosi” (citazione presa direttamente da mia madre) che inizio a vivere. L’odore della carta e dell’inchiostro quasi impercettibili ma “appaganti” mi inebriano lentamente e significativamente. Posso affermare con sicurezza che sono “drogato” di fumetti. E non sono certo uno di quelli che dice: «smetto quando voglio» perché io NON voglio smettere di vivere le mie fantasie.

Chi dice che la fantasia spetta solo ai bambini?

La fantasia, gran bella cosa. Di fumetto in fumetto sogno ad occhi aperti, catapultato di avventura in avventura, paesaggi che lentamente mi appaiono più reali adornati dalla strana flora e l’irresistibile fauna divenendo il mio ambiente naturale. E non importa che io sia in una città devastata dai bombardamenti post-atomici alla Hokuto No Ken o che sia sul ponte di una nave dove si bivacca e si brinda, a suon di violino, fiumi di sakè come su One Piece, troverò sempre fantasia e realtà divisi da una sottile linea che è l’uomo che ha deciso di creare. Ed è proprio quella linea così sottile, che fortunatamente posso varcare ogni qualvolta ne abbia voglia, vorrei, per quanto possa essere possibile, eliminare perché vorrei poter camminare in posti fantastici ed incontrare persone reali o percorrere le grigie strade della mia città e conoscere personaggi surreali senza sentirmi “diverso”. Anche se spesso accade che la mia mente si perda tra i due mondi, tant’è che spesso mi è quasi impossibile distinguere le due cose.

E lì, sopra quel letto, mentre leggo e mi soffermo di pagina in pagina, di vignetta in vignetta, di linea in linea, mi sento come sdraiato su di una Nuvola Speedy pronto a viaggiare assieme al piccolo Goku senza una meta ben precisa. E mi ritrovo a “scappare” accanto a Jigen, Goemon e Lupin mentre guido la “mia” stretta FIAT500 dalle manette dell’ispettore “ZAZA” – Zenigata per finire a bere tea inglese assieme al “discusso” INDAGATORE DELL’INCUBO Dylan Dog, con la speranza di sopravvivere alle spietate battute del suo mitico assistente Groucho. E tra una chiacchiera, una donna e un mostro essere arruolati tra le schiere dei Gundam o ad aiutare Hiroshi a sconfiggere Himica nelle vesti dell’imbattibile Jeeg Robot d’Acciaio. Aiutare Devilmen a respingere i demoni dalla terra o aiutare gli “strambi” X-Men a sconfiggere l’ipocrisia o ridere e scherzare assieme a Doraemon e Guglielmo “Guglia” Guglielminetti – alias Nobita e “testare” in prima persona i fantascientifici “ciuschi“. Sfidare a basket il quintetto della scuola SHOHOKU e battere quell’attacabriche dai capelli rossi di Hanamichi Sakuragi e l’asso Kaede Rukawa con uno spettacolare ed inimitabile SLAM DUNK o “bucare” la rete con un missile terra-aria la porta custodita da Benjamin “Benji” Price e dal fortissimo attaccante Oliver “Holly” Hutton della New Team. E quanto mi sarebbe piaciuto avere come professore quel teppista di Eikichi Onizuka di G.T.O. – GREAT TEACHER ONIZUKA.

Fantasia, certo. Tutto ciò che è scritto finora è solo frutto della mia fantasia ed ho espresso solamente quello che è pari ad un granello di sabbia di ciò che realmente mi frulla per la mente. Chissà forse, inconsciamente, sono geloso dei miei pensieri. Forse un giorno scriverò di più. Ora sono solo un piccolo uomo disteso sul suo letto con in mano un giornalino di carta che tengo stretto come se fosse il mio vessillo, orgoglioso di mostrare e di impugnare.

E così finisco, pian piano e cautamente, di chiudere la mia mente cartacea e l’appoggio sullo scaffale di sua proprietà. Spengo la luce. E mi metto a dormire ed inizio a sognare.

COPERTINA – 1001 FUMETTI DA LEGGERE PRIMA DI MORIRE

Annunci

2 pensieri riguardo “FUMETTO – CHE PASSIONE

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...