Pubblicato in: 140mila euro, Arte, Cinema, Dangerous World Tour, Design, Fantascienza, Fantasia, Film, Fumetti, Fumetto, Giochi, Guerre Stellari, Jetpack, Micheal Jackson, Minority Report, Razzo, Scienza, Star Wars, Steven Spielberg, Transformers 3, Transformers 4, Videogiochi, Volare, Zainorazzo

ARRIVA IL JETPACK

Hai appena 140mila euro da spendere e una passione smodata per il volo ma non sai come investire tempo e denaro? Dopo anni di sperimentazioni, incidenti, e spese varie, l’anno prossimo (seconda metà del 2016) potrai essere tra i primi acquirenti del Martin Jetpack, lo zainetto per il volo (che poi per chiamarlo zainetto ce ne vuole di coraggio visto che è grosso come un’auto smart ma più leggero) che nel 2008 aveva fatto sognare migliaia di fan della scienza sta finalmente per entrare in commercio.

Tecnicamente, si tratta più di un super-drone che di un Jetpack: anziché un propulsore a getto (vedi modelli utilizzati in acqua) utilizza un motore a benzina per azionare due ampie ventole intubate che, con forza, veicolano l’aria verso il basso. Ciò che ne consegue è una spinta verso il basso che solleva fino a 1000 metri di altezza veicolo e conducente per un’autonomia  di mezz’ora circa, arrivando fino alla velocità di 74 km/h ( chilometri orari). Il Jetpack sarà dotato di due accessori che non devono assolutamente mancare ovvero una gabbia di sicurezza e un paracadute.

Come nasce il Jetpack? Il concetto degli zaini a razzo è apparso nella cultura popolare, in particolare nella fantascienza, ben prima delle effettive applicazioni tecnologiche. Le prime apparizioni si ebbero – e come altrimenti non poteva essere – nei fumetti. Nel 1928 la copertina della rivista pulp di fantascienza Amazing Stories, presentando il romanzo L’Allodola dello Spazio di E.E. Smith, mostrava un uomo che vola con uno zaino a razzo. Ma è stato solo con la presentazione della “cintura a razzo di Bell” negli anni ’60 che il jetpack raggiunse l’immaginazione del più vasto pubblico. I voli dimostrativi di Bell negli Stati Uniti e in altre nazioni crearono un significativo entusiasmo nel pubblico: https://youtu.be/jEvdvnSqJbM

La più popolare apparizione “dal vero” di un jet pack è probabilmente avvenuta durante la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Los Angeles del 1984. Al termine di ogni spettacolo del suo Dangerous World Tour, Michael Jackson abbandonava la scena volando sul pubblico con un jet pack, anche se in realtà si trattava di una controfigura (1992): https://youtu.be/EKSEktPHjJc

Anche il cinema non potevano farsi mancare truppe d’assalto dotate di Jetpack, divenendo un classico dei film di fantascienza. Ad esempio nella serie cinematografica di STAR WARS (Guerre stellari) i cacciatori di taglie Jango e Boba Fett, assieme alle truppe dei Cloni Jetpack e dei Dark troopers, li utilizzano frequentemente. Nel film Minority Report di Steven Spielberg le forze di polizia del XXI secolo hanno in dotazione un jet pack dotato di altre funzioni quali ad esempio le luci lampeggianti. Nel film Transformers 3, Optimus Prime ha un jetpack sulla schiena, nel film successivo, Transformers 4 – L’era dell’ estinzione, ne ha uno sulle gambe. Anche la “superspia” inglese più famosa del grande schermo quale James Bond: 007 interpretato da Sean Connery nella quarta pellicola ufficiale della saga intitolata “Thunderball” (Operazione Tuono) utilizza il jetpack.

Sul jetpack è incentrato il gioco della Halfbrick Studios: Jetpack Joyride.

Fortunatamente questo frutto di una scienza mai appagata non sarà solo un oggetto dedicato a milionari in cerca di nuovi hobby e svago d’ogni genere. Una società neozelandese che produrrà i jetpack precisa che il prodotto potrà essere usato per operazioni di salvataggio troppo delicate per i velivoli tradizionali.

Bene detto questo: “CHI HA 140MILA EURO DA PRESTARMI”?

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...