Pubblicato in: ALLENAMENTO, Apple, AS ROMA, BEAUTIFUL, CALCIO, CALCIO FEMMINILE, CAMPIONATO, CR7, Design, DIVERTIMENTO, DRAFT, DUALSHOCK, ESULTARE, FC BARCELONA, FIFA, FIFA16, FUT, GAMES, GOAL, JOYSTICK, MESSI, ONLINE, PALLONE, PES, PIERLUIGI PARDO, PLAY, PLAY BEAUTIFUL, PLAYSTATION, PRO EVOLUTION SOCCER, PS4, REAL MADRID, REPLAY, RETE, ROBOT, RONALDO, SELFIE, SERIA A, SERIE A TIM, SIMULATORE, SOCCER, SONY, SONY PLAYSTATION 4, SPORT, TIKI TAKA, TOTTI, TRICK, VIDEOGAMES, VITA SOCIALE, XBOX

FIFA 16 – PLAY BEAUTIFUL

I campionati di calcio sparsi nel mondo sono ormai iniziati. Seguirli tutti forse non è facile, ma giocarli si. Per gli amanti del settore, reale e virtuale, è infatti iniziata la magia.

Come ogni anno l’attesa è finita: la sfida del gioco migliore, contesa da FIFA e PES, è iniziata. Trofeo in palio la conquista della vetta del più grande simulatore sportivo raggiungibile a suon di goal, finte e nuove modalità. Vita sociale ADDIO!!

Anzitutto per chi non avesse ancora scelto quale dei due comprare, ricordo che è possibile scaricare direttamente le demo dei due giochi.

Io ho scelto FIFA16. Quindi vi parlerò dei pro e dei contro di questo gioco che già parte in quinta grazie alle varie migliorie che hanno reso questo simulatore “vero”.

Sony Playstation 4 calda, tv accesa e pronti, via.

 Se FIFA15 era già pazzesco in quanto una partita si sarebbe potuta tranquillamente scambiare per una vera, ora sembra di essere allo stadio. Se amate invece giocare le partite ascoltando la telecronaca, credetemi, sembra di ascoltarla in diretta Tv grazie ai commenti del noto e confermato Pierluigi Pardo. Durante la partita sarà possibile avere notizie dei costi di trasferimento, differenze tra giocatori avversari, colpi di mercato sensazionali e quelli dell’ultimo momento, e sarà possibile consultare le informazioni aggiornate sull’andamento del match. Anche il commento tecnico stesso è molto più preciso e dettagliato in quanto sono stati sistemati i problemi presenti nei vari Fifa passati. Non troveremo più  commenti spezzettati e “robotici” ma toni fedeli e professionali e sentirsi, come detto, veramente all’interno di una reale telecronaca sportiva.

In modalità “Carriera Allenatore” è possibile fare una sorta di precampionato che si differenzia dalle vecchie amichevoli grazie a Tornei ben definiti che vi daranno la possibilità di provare quante più tattiche possibili, ma anche di testare sul campo le giovani promesse e le vecchie glorie. Anche l’allenamento è stato ben realizzato in quanto permetterà di migliorare le condizioni e persino gli attributi dei giocatori. Sarà possibile selezionare un gruppo di giocatori (prima volta in assoluto) ed eseguire esercizi specifici, di volta in volta. Un dettaglio questo che migliora in positivo la (mia) scelta nei confronti di FIFA16. Inoltre ci sono degli “aiuti” ben attrezzati, infatti sarete seguiti durante il match (premendo il tasto R3 alias analog destro lo potete attivare o disattivare) con suggerimenti persino per quando sarà il momento giusto per passare la palla, crossare, tirare o cambiare giocatore. Ammetto che l’ho disattivato fin da subito ma è da apprezzare questa modalità per chi affronta per la prima volta questo simulatore.

La ciliegina sulla torta è l’imprevedibilità che si manifesta di squadra in squadra, creando feeling differenti di giocatore in giocatore merito, anche, dell’unicità di alcuni di essi. Come ogni Fifa la difficoltà influisce chiaramente sul comportamento degli avversari: a basso livello (es. dilettante) i portieri si lasceranno segnare praticamente ad ogni tiro o quasi, ma ai livelli più elevati (es. leggenda) vi daranno filo da torcere con la complicità dei difensori che si faranno “sentire” con tutta la loro fisicità ed esperienza, e vi faranno passare solo se sarete più forti o astuti di loro. I “numeri di abilità tecnica” (trick) saranno meno fondamentali ma più spettacolari,  grazie al maggiore controllo sulla palla nel dribbling sempre che si riesca a mantenerla incollata ai piedi. Il ritmo è inoltre più lento e ragionato, il che è un bene. Ogni colpo andrà regolato con precisione, e un passaggio troppo potente finirà inevitabilmente fuori, mentre un cross potenzialmente pericoloso, se mal dosato, farà finire il pallone dritto tra le braccia del portiere o fuori dallo stadio “oltre il terzo anello“(cit. Pardo).

Ad aumentare, secondo il mio parere, ulteriormente punti a favore per il gioco della “EA SPORT” è che per la prima volta in un gioco targato FIFA sono state incluse anche delle squadre femminili. Il calcio femminile è ben diverso, sotto numerosi aspetti, da quello maschile, a partire dalla giocabilità, ma anche dal ritmo di gioco. Una ricerca attenta e precisa fa si che il torneo femminile grazie ad un lavoro di post produzione grafica e tecnologica sia davvero molto interessante. Intanto godetevi il video postato.

Ecco un paio di CONTRO.
Il problema principale della modalità FIFA Ultimate Team, che ha monopolizzato le partite dei giocatori, è che, per poter ottenere i campioni più desiderati ed inserirli nella rosa del vostro team, dovrete trasformarla nel vostro unico passatempo, avere una fortuna pazzesca quando aprirete i pacchetti, oppure godere di un altro tipo di fortuna, quella più “concreta”, e magari incassare ogni mese uno stipendio come quello di Messi o CR7 e pagare una fortuna per avere il vostro campione preferito.
Nella nuova modalità Draft potrete però comporre la vostra formazione, vi serviranno 15.000 crediti per partecipare, ma vincendo vi porterete a casa due mega pack d’oro dal prezzo di 7.500 crediti l’uno, ripagando così per intero l’investimento. In questa modalità sarà decisamente più semplice trovare campioni di un certo livello – sarà persino possibile avere l’imbarazzante scelta tra i grandi giocatori del passato lontano e recente come George Best o Ronaldo (quello vero).
L’altro problemino (e non da poco) vede una grafica di gioco ben fatta nell’insieme ma nei singoli giocatori questo è uno sconosciuto lavoro. PES vince nettamente il duello in quanto i giocatori sono interamente ben definiti e con lineamenti realistici mentre in Fifa sono pressoché abbozzati.
Per non parlare dell’esultanza. Banale. A differenza di quelle di PES dove si ha una scelta di ben 4 esultanze differenti tra le quali quella popolare del capitano della AS ROMA, FRANCESCO TOTTI, che sfoggia un (pubblicitario) I-Phone e si fa un autoscatto alias selfie a dir poco epico, in Fifa troviamo le solite esultanze da goal e a volte anche poco inclini ai giocatori affidati (ce lo vedete un Giardino che fa la capriola?) tranne in pochi fortunati casi in cui sono state rinnovate (e azzeccate).
A parte questo è una sensazione fantastica giocare a questo FIFA16.
GODETEVELO.
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...