Pubblicato in: Amna Al Haddad, Arte, atlete musulmane, CALCIO, CALCIO FEMMINILE, Children, Design, Dollari, Emirates, Emirati Arabi Uniti, Euro, Fashion, Fotografia, Fotoritocco, Gallery, GAMES, Giochi, Gioco, Hijab, islam, Moda, Nike Pro Hijab, ONLINE, Pattinaggio su ghiaccio, Photoshop, PLAY, PLAY BEAUTIFUL, Scarpe, Scienza, sollevamento pesi, SPORT, sport femminile, Usa, YouTube, Zahra Lari

NIKE PRO HIJAB 

Vento di cambiamento in casa Nike che sorprende e spiazza tutti (data anche la situazione attuale made in U.S.A.) lanciando un hijab, il copricapo più utilizzato dalle donne musulmane che devono rispettare i dettami imposti dall’Islam. Finora le atlete erano costrette a ripiegare in rimedi grossolani e poco ottimali per chi gareggia a livello internazionale, perlopiù copricapo di cotone, materiale la cui qualità è trattenere l’acqua lasciando così la testa di chi ne fa uso bagnata. È per questo che l’azienda di Portland ha escogitato e creato un modello che cambierà tutto: il Nike Pro Hijab.

Realizzato in varie misure, poiché forme ed esigenze cambiano in base allo sport praticato, sarà leggero e traspirante per mantenere il capo dell’atleta fresco e asciutto. Secondo indiscrezioni la Nike per rendere al meglio il prodotto si è rivolta a due professioniste musulmane Amna Al Haddad, atleta degli Emirati Arabi Uniti che ha partecipato alle Olimpiadi di Rio 2016 nel sollevamento pesi, e della connazionale Zahra Lari, pattinatrice sul ghiaccio entrambe testimonial del colosso americano.

Con questa mossa Nike sferra un abile doppio colpo che le permette di stravolgere Il commercio internazionale e la politica interna.
In primis il “progetto” Hijab è l’elemento che consente di penetrare nel mercato arabo, non proprio agevole, e destinato a un giro di affari superiori ai 5 miliardi di dollari entro il 2020 e la possibilità, perché no, di accaparrarsi una gran quantità di atleti. Quindi la mossa dell’azienda è una presa di posizione contro la politica dell’esclusione di Trump, ecco il fattore “interno”, in cui Nike controbatte con attenzione verso quella parte del mondo che il neo presidente vorrebbe allontanare dagli Usa.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...